La Riccitelli

Profilo

Costituita nel 1978, la Società della Musica e del Teatro “Primo Riccitelli” di Teramo, già Società dei Concerti “Primo Riccitelli”, prevede per statuto, dal 1993, la rappresentanza in Consiglio di Amministrazione degli enti pubblici (Comune di Teramo, Provincia di Teramo, Regione Abruzzo) della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo e dal 2005 la Camera di Commercio di Teramo. Lo scopo dell’associazione, sin dal suo primo costituirsi, è stato sempre la promozione e la diffusione, attraverso i concerti, della cultura musicale, ma anche della conoscenza e dell’educazione musicale con attività didattica e cicli di conferenze.

Nel corso dell’anno 1999 ha ottenuto il riconoscimento della Personalità Giuridica con Decreto del Presidente della Regione Abruzzo. Nell’arco delle Stagioni concertistiche fin qui organizzate, la società ha presentato al pubblico teramano (sempre numeroso, e con una folta percentuale di giovani) concertisti di indiscusso prestigio internazionale, proponendo calendari di altissima qualità. Hanno suonato, tra gli altri, nel Teatro Comunale di Teramo, ospiti della “Riccitelli”, stelle del concertismo mondiale quali i violinisti Salvatore Accardo,Uto Ughi, Nina Beilina, Massimo Quarta, Roby Lakatos, Fabio Biondi, Igor Oistrakh, Sergej Krylov, Felix Ayo, Vladimir Spivakov, i chitarristi Alirio Diaz, Manuel Barrueco e Oscar Ghiglia, i flautisti Severino Gazzelloni, Mario Ancillotti, Maxence Larrieu, Jean Pierre Rampal, Roberto Fabbriciani, Andrea Griminelli, i violoncellisti Andrè Navarra, Natalia Gutman, Enrico Dindo, Rocco Filippini, Giovanni Sollima, David Geringas, Siegfried Palm, i pianisti Kristyan Zimerman, Murray Perahia, Radu Lupu, Arcadi Volodos, Alicia De Larrocha,Tamas Vasary, Olli Mustonen, Aldo Ciccolini, Boris Petrushansky,Andrei Gavrilov, Garrick Ohlsson, Michele Campanella, Gerard Oppitz, Rudolf Buchbinder, Alexander Lonquich, Lazar Berman, Bruno Canino, John Ogdon, Maria Tipo, Grigory Sokolov, gli organisti Jean Guillou e Lionel Rogg, senza dimenticare Ton Koopman, l’Academy of St. Martin in the Fields, l’Orchestra del XVIII secolo diretta da Frans Bruggen, la Israel Chamber Orchestra, I Solisti Veneti, I Solisti della Scala, Europa Galante, l’Orchestra da Camera di Praga, I Virtuosi di Mosca diretti da Yurij Bashmet, Quintetto Bibiena, Katia Ricciarelli, Ennio Morricone, Milva, Gino Paoli, Amy Stewart. E l’elenco potrebbe continuare.

Grande spazio è stato da sempre dedicato alla musica jazz con artisti quali McCoy Tyner, Charnett Moffet, The Yellowjackets, Danny Gottlieb, Gonzalo Rubalcaba, Enrico Rava, Danilo Rea, Joyce, Javier Girotto, Nicola Arigliano e tanti altri. Dal 2005 la Riccitelli organizza anche la Stagione di Prosa della Città di Teramo. Sotto la direzione artistica di Ugo Pagliai hanno calcato il palcoscenico del Teatro Comunale artisti quali Paolo Ferrari, Pino Quartullo, Mariangela D’Abbraccio, Franco Oppini, Ninì Salerno, Teo Teocoli, Tullio Solenghi, Alessandro Haber, Ugo Pagliai, Paola Gassman, Marina Malfatti, Simona Marchini, Carlo Giuffrè, solo per citarne alcuni. L’immagine della Riccitelli oggi è a pieno titolo una delle più rappresentative della città, innalzando il nome di Teramo al pari dei grandi centri europei protagonisti della cultura e dell’arte nel mondo. È un patrimonio prezioso, da gestire con orgoglio e consapevolezza per conservare quel rilievo internazionale che gli anni futuri, e nuovi e sempre più ambiziosi traguardi, dovranno contribuire in tutti i modi a consolidare ed elevare ulteriormente.