Spettacoli

TERAMO - Sala Polifunzionale della Provincia
Venerdì 9 marzo 2018 ore 21
Mario Massari

Buonasera Dottor Nisticò

Tratto dall'omonimo romanzo di Antonio Del Giudice
Riduzione e adattamento teatrale di Vario Ivassari e Antonio Del Giudice
Regia: Ivartina Gatto e Vario Massari
Monologo Teatrale - Atto unico
Una produzione Piccola Bottega Teatrale

Sono nella merda, ho bisogno di aiuto. Fatti vivo…” [Invia]

SINOSSI
112 sms inviati. Nessuna risposta. È da questa richiesta di aiuto che parte il flusso di coscienza di Mario Nisticò. Lo scandalo per una "mazzetta" travolge la vita felice e cinica del dottore Nisticò, amministratore delegato della maggiore banca cittadina, punto di snodo di affari leciti e illeciti, luogo nevralgico per palazzinari e businessman chiacchierati, "palude" dove si decidono, nel bene e nel male, le sorti economiche ma anche le gerarchie sociali della città. Nisticò si dimette dalla carica e vede crollare di colpo il suo mondo di agio e privilegi. Il dottore sgombera da sé il campo senza dare battaglia, rinchiudendosi in casa come all'interno di una ridotta militare da dove aspetterà gli eventi. Nella sua prigione volontaria, solo fogli, libri, scarpe da dare in beneficenza. L'establishment si dimentica di lui, e le crepe si aprono anche in famiglia.

«Narrazione brillante in cui è difficile non solidarizzare con il povero Nisticò, una figura ricorrente nel nostro tempo che nasce dal mutato rapporto tra potere e denaro.» Giovanni Cedrone (la Repubblica)

«Colpisce la claustrofobia di un mondo tessuto da falsari, il cinismo, il racconto sorprendente dell'ipocrisia che sempre accompagna la corruzione. Tutti, figli, moglie, fratello e amanti puntano il dito contro Nisticò. Ma il pulpito è marcio.» Giosuè Calaciura (La Domenica de ll Sole 24 ore)

«La riduzione teatrale del testo narrativo mette in luce le linee di forza, e soprattutto l'intreccio tra i toni dell'invettiva, dell'elegia, della satira. Un monologo nervoso, vibrante, che si chiude con una efficace intuizione poetica.» Ugo Perolino — Il Centro

«In settanta minuti la voce dell'attore tocca una vasta gamma di sfumature e di emozioni, con una presenza corporea, gestuale, drammatica, che porta in primo piano la figura di Nisticò, assediato dalla presenza-assenza dei suoi molti interlocutori e accusatori.» Ugo Perolino — Il Centro

L'AUTORE
Antonio Del Giudice
"Buonasera, dottor Nisticò", che dà origine alla pièce teatrale, è un romanzo uscito nel 2014 edito da Pamio. L'autore, Antonio Del Giudice, è un pugliese errante, nato ad Andria nel 1949. Ha fatto per più di 40 anni il giornalista. Ha vissuto a Bari, Roma, Milano, Palermo, Mantova e Pescara. Ha lavorato alla Gazzetta del Mezzogiorno, a Paese sera, a Repubblica, a L'Ora, all'Unità, alla Gazzetta di Mantova, al Centro d'Abruzzo (che ha diretto per 11 anni), ha fondato e diretto la Domenica d'Abruzzo, settimanale dalla vita breve. Ha fatto tutta la trafila da cronista a direttore, a suo rischio e pericolo. Adesso collabora con Blitzquotidiano e con Odysseo, con articoli di costume. Ha pubblicato nel 2009 "La Pasqua bassa" per San Paolo edizioni, ristampato nel 2016 da Solfanelli. Nel 2015 ha pubblicato per Solfanelli "La bambina russa", silloge di racconti con storie di donne. Nel 1987 aveva pubblicato un libro-intervista con Alex Zanotelli, il profetico missionario comboniano. Antonio Del Giudice vive a Pescara, è sposato con Lucilla: ha due figli, Marta e Pietro.