Spettacoli

TERAMO - Aula Magna del Convitto Nazionale "Melchiorre Delfico"
Venerdì 18 gennaio 2019 ore 21
violoncello, pianoforte

Narek Hakhnazaryan, Oxana Shevchenko

C. Debussy  Sonata per violoncello L. 135
G. Fauré Élégie op. 24;  Après un rêve op. 7 n. 1, Papillon
C. Saint-Saëns Allegro Appassionato
J. Massenet Thaïs: Méditation
F. Chopin Sonata in sol min. op. 65

Primo Premio e Medaglia d'oro al XIV Concorso Internazionale Ciajkovskij 2011, a 22 anni Narek Hakhnazaryan si è esibito con le più rinomate orchestre, in recital e musica da camera per i festival più prestigiosi del mondo. In qualità di ex artista del progetto BBC New Generation, è attualmente uno dei ‘Great Talents’ della Konzerthaus di Vienna, dove appare regolarmente in recital, musica da camera e con orchestra. È stato descritto come "incredibilmente brillante" (The Strad) e "a dir poco magnifico" (San Francisco Chronicle). Gli eventi principali della stagione 2018/19 di Narek Hakhnazaryan prevedono nuove collaborazioni con le orchestre NHK Symphony, Baltimora Symphony, Royal Stockholm, Helsinki Philharmonic e Munich Chamber Orchestra e debutti con la Sinfonica di Vienna, la Western Australian Symphony, la Oxford Philharmonic e la Sinfonica Nazionale del Taiwan, solo per citarne alcune. In recital, sono previste apparizioni alla Wigmore Hall di Londra, a Roma e Aix-en-Provence; nel campo della musica da camera, Narek Hakhnazaryan apparirà a Milano con Sergey e Lucine Khachatryan, a Londra, Ginevra e Schloss Elmau con Benjamin Beilman e Louis Schwizgebel; debutterà inoltre alla Amsterdam Cello Biennale e si unirà a Daniil Trifonov e Sergey Dogadin per un concerto in trio al Musikverein di Vienna. Nelle passate stagioni, Narek Hakhnazaryan si è esibito con orchestre del calibro della Orchestre de Paris, London Symphony, Rotterdam Philharmonic, Berlin Konzerthaus, Chicago Symphony, Los Angeles Philharmonic, Sydney Symphony e con direttori quali Valery Gergiev, Jakub Hrůša, Ton Koopman, Ingo Metzmacher, Mikhail Pletnev, Leonard Slatkin, Tugan Sokhiev, Lionel Bringuier. Ha tenuto tournée in Spagna con la WDR Symphony/Saraste, negli Stati Uniti con l'Orchestra Nazionale Sinfonica Estone/Neemi Järvi e in Giappone con la Filarmonica Ceca/Bělohlávek. Molto attivo nel campo della musica da camera e dei recital, Narek Hakhnazaryan è apparso in sale da concerto quali la Salle Pleyel di Parigi, Konzerthaus di Berlino, Shanghai Concert Hall, Carnegie Hall e la Jordan Hall di Boston. Nell'estate del 2017 ha girato l'Asia del Sud con concerti a Taipei, Seoul, Tokyo e Kyoto, dove ha eseguito le Suite complete per violoncello di Bach mentre nella stagione 17/18 si è esibito in molte importanti città del Nord America, tra cui New York, Chicago, San Francisco e Toronto.  Narek Hakhnazaryan si è esibito in molti festival importanti in tutto il mondo, tra cui Verbier, Lucerna,  Beethovenfest Bonn, Kissinger Sommer, Moritzburg, White Nights, Ravinia, Aspen e Pau Casals. Insieme a Zuo Zhang ed Esther Yoo, Narek Hakhanzaryan fa parte della Z.E.N. Trio, che si è esibito in tutto il Regno Unito, in Asia e nel Nord America e ha pubblicato la sua prima registrazione con Deutsche Grammophon. Il compianto Mstislav Leopol'dovič Rostropovič è stato il suo mentore per diversi anni. Narek Hakhnazaryan ha ricevuto un diploma d'artista dal Conservatorio di musica del New England nel 2011, dove ha studiato con Lawrence Lesser. Precedentemente ha studiato al Conservatorio di Mosca con Alexey Seleznyov e alla Scuola di Musica Sayat-Nova di Yerevan con Zareh Sarkisyan. Narek Hakhnazaryan ha ricevuto borse di studio dalla Fondazione Rostropovich e dalla New Names Foundation, i suoi premi includono il Primo Premio nel Concorso Internazionale Aram Khachaturian del 2006 in Armenia e il Primo Premio al Concorso Internazionale Johansen 2006.
Narek Hakhnazaryan è nato a Yerevan, in Armenia, in una famiglia di musicisti: suo padre è violinista, sua madre è un pianista e si esibisce regolarmente con suo fratello, il direttore Tigran Akhnazarian. Nel settembre 2017 è stato insignito del titolo di "Honored Artist of Armenia" dal presidente dell'Armenia Serzh Sargsyan. Suona un violoncello Joseph Guarneri del 1707 e utilizza F.X. Tourte e Benoit Rolland.

Oxana Shevchenko si è diplomata al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, dove ha studiato con Elena Kuznetsova e Sergey Kuznetsov. Attualmente sta seguendo i corsi di perfezionamento all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con Benedetto Lupo. Nel 2010 ha ottenuto il primo premio alla Scottish International Piano Competition.  Ulteriori riconoscimenti includono il primo premio al Concorso Internazionale Franz Liszt (Italia) nel 2015 e il quarto premio, il premio della critica musicale e il premio speciale per la miglior interpretazione di Busoni al Concorso Busoni di Bolzano nel 2009. Ha suonato con orchestre di tutto il mondo, tra cui la BBC Scottish Symphony Orchestra, l’Orchestre de Chambre de Lausanne, l’Orchestre National de Lorraine, la Radio Symphony Orchestra Pilsen, la Sendai Philharmonic Orchestra e ha collaborato con direttori del calibro di Vladimir Ashkenazy e Martyn Brabbins. Appuntamenti salienti delle recenti stagioni includono concerti alla Wigmore Hall di Londra, alla Tonhalle di Zurigo, alla Hong Kong City Hall, alla Glasgow City Hall e al Festival di Lucerna. Molto attiva anche in ambito cameristico, Oxana Shevchenko collabora abitualmente con artisti quali Quartetto Kopelman, Quartetto Brodsky, Ray Chen, Narek Hakhnazaryan e Alena Baeva.