Spettacoli

TERAMO - Aula Magna del Convitto Nazionale "Melchiorre Delfico"
Venerdì 17 febbraio 2017 ore 21
Sesto Quatrini direttore, Suyoen Kim violino

Orchestra Sinfonica Abruzzese

F. Schubert Ouverture in si bem. magg. per orchestra D 470
F. Mendelssohn Bartholdy Concerto in mi min. op. 64 per violino e orchestra
C. Saint-Saens Sinfonia n. 2 in la min. op. 55

L’Orchestra Sinfonica Abruzzese, una delle tredici Istituzioni Concertistico-Orchestrali Italiane riconosciute dallo Stato, ha al suo attivo quarant’anni di attività. Capillarmente presente su tutto il territorio regionale abruzzese, si è esibita per le più prestigiose istituzioni musicali italiane, come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e il Teatro alla Scala, e in numerose importanti sedi concertistiche di altre regioni (Milano, Roma, Brescia, Napoli, Vicenza, Trieste, Palermo, Catania, Messina, Reggio Calabria, Terni, Ascoli Piceno, Pordenone). È stata diretta da Carlo Zecchi, Gianluigi Gelmetti, Bruno Aprea, Piero Bellugi, Donato Renzetti, Nino Antonellini, Massimo De Bernart, Marco Zuccarini, Marcello Bufalini, Carlo Rizzari, Giampaolo Pretto, Massimiliano Caldi, Luciano Acocella, Roberto Molinelli e tanti altri. Riccardo Muti l’ha diretta in un importante concerto commemorativo tenutosi a pochi mesi dal sisma che ha colpito L’Aquila nel 2009. Si sono esibiti con l’Orchestra solisti come Vladimir Ashkenazy, Barbara Hendriks, Katia Ricciarelli, Milva, Renato Bruson, Placido Domingo, Carmela Remigio, Andrea Bocelli, Ivo Pogorelich, Salvatore Accardo, Uto Ughi, Milan Turcovic, Maurice André, Hermann Baumann, Danilo Rossi, Severino Gazzelloni, Enrico Rava, Rudolf Firkusny, Leonid Kogan, Paul Tortelier, Massimiliano Damerini, Michele Campanella, Bruno Canino, Maria Tipo, Jörg Demus, Mario Brunello, Sylvano Bussotti, Boris Petruschansky, Roberto Prosseda, Pavel Berman, Benedetto Lupo, Carlo Grante, Monica Bacelli, Maurizio Baglini e Rainer Honeck. L’Orchestra ha realizzato incisioni per numerose e importanti case discografiche (BMG Ariola, Amadeus-Paragon, Arts, Rugginenti, Sonzogno, Bongiovanni), registrazioni per la RAI - Radio Televisione Italiana e numerose prime esecuzioni di compositori contemporanei. Fondata per iniziativa dell'Avv. Nino Carloni, dalla sua costituzione fino al 2010 l'O.S.A. è stata guidata dal Maestro Vittorio Antonellini. Attualmente è direttore artistico la prof.ssa Luisa Prayer. Direttore principale dell'orchestra è il M° Ulrich Windfuhr e direttore principale ospite il M° Sesto Quatrini.
Sesto Quatrini Compositore e direttore d'orchestra, nel 2016 è stato nominato direttore principale ospite dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese. Attualmente ricopre anche i ruoli di direttore musicale della compagnia operistica Les Voix Concertantes di Parigi; di direttore principale di Bare Opera a New York City e di direttore musicale del Festival operistico "Les Nuits de Salses" in Francia.  Nella stagione 2015/16 è stato secondo direttore e assistente al Metropolitan Opera House di New York. Negli ultimi due anni ha debuttato La Traviata e Rigoletto a Parigi; L'Enfant et les Sortileges di Ravel, L'Enfant Prodigue di Debussy, Goyescas di Granados e La Cambiale di Matrimonio di Rossini a New York. È reduce da una tournée di concerti, già premiata come evento dell'anno nei Paesi Baltici.  Numerosissimi i futuri ingaggi:  dirigerà un Gala lirico in diretta televisiva per TV Kultura al Teatro Bolshoi di Mosca alla testa della National Philharmonic Orchestra of Russia, il ritorno a L'Aquila con l'OSA, in aprile un nuovo gala operistico a Portorico con la Puerto Rico Philarmonic Orchestra. Quattro debutti operistici tra maggio e luglio, a Vilnius, Parigi,  Valle d'Itria, Perpignan.  E ancora, il ritorno in Lettonia con la Latvian National Symphony Orchestra e il debutto con l'Orchestra Sinfonica Toscanini a Piacenza.  Ha diretto tra le altre l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra Sinfonica Abruzzese, Orchestra Verdi di Milano, Camerata Monteverdi, Danish National Symphony Orchestra, Cyprus Symphony Orchestra, Latvian National Symphony Orchestra, Lithuanian National Symphony Orchestra and Ballet, Atlanta Chamber Orchestra, Macon Symphony Orchestra, Gwinnett Symphony Orchestra, Malaysian Philarmonic Orchestra, Orchestra ICO della Magna Grecia, Orchestra Internazionale d'Italia.  Nel 2013 Sesto Quatrini ha vinto il 1° premio dell’International Conducting Workshop and Competition in Georgia (USA) e il 3° premio nel “Solon Michaelides” International Conduting Competition a Nicosia (Cipro).

Suyoen Kim è nata in Germania nel 1987. Inizia lo studio del violino a 5 anni. Quattro anni più tardi inizia gli studi alla Hochschule di Detmold completandoli nel 2008. Segue un periodo di studi alla Hochschule di Monaco, dove si diploma nel 2010. Come solista, Suyoen Kim ha collaborato con direttori di grande pregio internazionale: Kurt Masur, Eliahu Inbal, Myung- Whun Chung, Steven Sloane, Jan Latham- Koenig, Peter Ruzicka e Walter Weller. Ha seguito  altresì  masterclass con Rainer Kussmaul, Ida Haendel, Elizabeth Walfisch. Su invito di Seji Ozawa, ha partecipato alla vita artistica dell’Accademia Internazionale di Musica in Svizzera. E’ apparsa come solista con la Deutsche Kammerphilarmonie di Brema, la Norlands Opera Orkester, il Teatro Hermitage di San Pietroburgo, la Copenhagen Philarmonie, la Baden Badner Philarmonie, la Bayerische Kammerphilarmonie, l’Orchestra Filarmonica di Strasburgo, la Neue Philarmonie Westfalen, la Bochumer Symphoniker, la Württermbergisches Kammerorchester Heilbronn e la Seoul Symphony Orchestra. Nel 2003 ha ricevuto il 1° premio al Concorso Internazionale Leopold Mozart di Augsburg, vincendo anche il primo premio del pubblico e quello per la miglior interpretazione della musica contemporanea. Nel 2006, si aggiudica il primo premio al Concorso Internazionale Joseph Joachim di Hannover e nel 2009 il quarto premio al Concorso Regina Elisabetta del Belgio. Incide in esclusiva per la Deutsche Grammophon. Per Naxos ha pubblicato opere di Karl Hartmann che la BBC ritiene essere la migliore incisione realizzata di questi lavori. È stata scelta come artista in residenza dall’Orchestra Filarmonica di Torino. Suona un violino Stradivarius del  1702, gentilmente messo a sua disposizione dalla Nippon Foundation.